Instagram facebook - -

Per ricevere le NEWS

Danza Meditativa...

Danza meditativa

COME NASCE LA DANZA MEDITATIVA

Danza meditativa
Fondatore di questa forma di meditazione è Bernard Wosien che attorno agli anni trenta, attratto dai “linguaggi non verbali” musica e danza, ricercava nella vita la propria vocazione che mettesse in sintonia corpo, anima e mente dentro a queste forme espressive.

Dopo aver visitato molti paesi dove, musica e danza era connessa alla loro cultura e tradizione, in Grecia riuscì a sperimentare la danza in cerchio assieme al movimento della creazione e all’unione con il cosmo: nel 1976 nasce la “Meditazione della danza”.

Portata in Italia grazie all'insegnante naturopata olandese Joyce Dijkstra, la danza meditativa agisce direttamente sulla vita emotiva e non è indirizzata alla mente; il suo effetto curativo compare quando si sperimenta il proprio “io” e ci si avvicina a percepire sempre più chiaramente, i propri sentimenti e desideri più profondi.


COSA E’ PER ME LA DANZA MEDITATIVA ED ESPRESSIVA

Danza meditativa Tra i vari significati del termine DANZA si trova la sua etimologia da un'antica radice sanscrita, il cui significato originario è tensione: tensione muscolare, tensione della colonna vertebrale, del respiro ed, al tempo stesso, tensione dell'uomo tra terra e cielo e dell'anima verso il suo Dio. La danza è energia vitale, creativa, è espressione completa della persona, è pratica di consapevolezza corporea ed in quanto tale può divenire via di guarigione, regola di vita o anche via di accesso ad una dimensione cura di sé.
Danza meditativaLa Danza Meditativa si svolge prevalentemente in cerchio, antico simbolo di unità che esprime “la totalità della psiche e la globalità della natura” (Jung “L’uomo e i suoi simboli”).
“Il cerchio rappresenta la perfezione e la continuità. Gli anelli degli alberi sono concentrici e la nostra vita è racchiusa in un cerchio. Il cerchio è il principio e la fine, al suo interno passano gli avvenimenti piccoli e grandi della nostra vita. E’ la perfezione assoluta della coscienza che delimita il terreno delle nostre possibilità. Più il cerchio è grande, più la nostra visione si avvicina al mistero del mondo.” (Battaglia).
Il continuo ruotare intorno al centro è il modello archetipo fondamentale della nostra vita ed è il modello basilare della danza. Mentre ci muoviamo, creiamo l’energia vitale che permette di contattare le nostre emozioni, di ascoltare il corpo nei semplici movimenti ripetuti fino a quando la mente abbandona il suo potere al ritmo della musica e alla gestualità, attivando un meccanismo naturale di esperienza non verbale. Il lavoro che precede la danza meditativa sulla percezione e consapevolezza corporea, connettendosi al respiro e ai punti centrali d’energia, permette di entrare dentro al cerchio costituito da eventi, emozioni, esperienze, con altre persone. Danza meditativa

E’ così che avviene, in maniera dolce e non aggressiva, il graduale contatto non invasivo dell’altro, lasciando che il corpo guidi in quel momento il rapporto emozionale di relazione con la persona che danza con noi. Inoltre esiste un forte collegamento fra ritmi di danza e ritmi biologici come battito del polso, respiro, onde cerebrali, ormonali e ciclo del sonno che favorisce la guarigione a un livello psichico profondo. Grazie alla continuità e ripetitività dei movimenti del corpo, al sincronismo con il resto del gruppo e alla responsabilità consapevole di vivere nel presente, la danza meditativa diventa forma espressiva di ascolto di noi stessi in relazione alla vita intima, sociale e spirituale nel qui ed ora.

Danza meditativa
“Ciò che conta è il rapporto con l’interiore.
Essere separati da esso equivale a essere spiritualmente morti “.
(Marie Louise von Franz)

Nel mio percorso di Danza Meditativa ed espressiva ho notato che chi sceglie di partecipare al cerchio ha principalmente tre motivazioni:
• prendersi cura di sé non come “ginnastica” fine a se stessa, ma prendersi cura in termini fisici ed emotivi;
• trovare dello spazio creativo e gioioso per sé.
• Incontrare nuove persone attraverso comunicazioni altre, non verbali.

Danza meditativaDa queste motivazioni nasce la Danza Meditativa ed Espressiva che negli ultimi anni propongo. Una danza che considera il corpo come luogo in cui abitare e attraverso il corpo, nella sua totalità, vengono espresse emozioni, sensazioni che a lungo termine determinano un cambiamento nella persona:
• ti regala un momento di ascolto di te e dell’altro,
• amplia le proprie potenzialità,
• libera seratonina, neurotrasmettitore che regola l’umore detto anche ormone della gioia,
• rilascia endorfine, neurotrasmettitore che provoca euforia,
• permette di specchiarti nel cerchio,
• ti invita a tornare dentro per portare fuori,
• ti mette in contatto con la memoria del tuo corpo (da qui il verbo “rimembrare”),
• crea vie nuove per attraversare la vita,
• ti aiuta a orientarti nell’oggi con maggiore consapevolezza del qui ed ora.

Come Associazione, come professionisti e come persone ci sembra di capire che “ognuno di noi ha una missione in questo mondo – e le nostre anime utilizzano le nostre menti e i nostri corpi come strumenti per compiere questo scopo.” (Edward Bach). Oggi più che mai, le persone che incontriamo esprimono il bisogno di trovare un luogo dove stare, uno spazio dove sostare nei momenti più indecisi o difficoltosi della vita, di ri-trovare l’essenzialità dei valori in cui credono, di ri-costruire sogni, di ri-prendere contatto con se stessi in un linguaggio semplice

Allora il binomio DANZA – EMOZIONE diviene il filo d’oro che conduce il cerchio di danza.

Quello proposto è un viaggio alla scoperta di sé
attraverso l’esplorazione della danza,
della gestualità e delle qualità di movimento;
un viaggio alla scoperta dello ‘stile personale’,
che esprime chi siamo stati, chi siamo e chi tendiamo ad essere,
i nostri punti di forza, le insicurezze, i conflitti …..
Addentrarsi in questo mondo richiede il desiderio di ascoltarsi,
abitarsi, crearsi, guarirsi in modo nuovo,
valorizzando il proprio ‘esistere nel corpo’
e assegnando ad esso e al suo linguaggio
una nuova voce tradotta in gesto danzato.

Danza meditativa